Zero il folle - Renato Zero

Zero il folle Music

Renato Zero

  • Genre: Pop
  • Release Date: 2019-10-04
  • Explicitness: explicit
  • Country: ITA
  • Track Count: 13

  • ℗ 2019 Tattica s.r.l.

Tracks

Title Artist Time
1
Mai più da soli Renato Zero 3:55
2
Viaggia Renato Zero 5:09
3
La culla è vuota Renato Zero 4:02
4
Un uomo è... Renato Zero 4:16
5
Tutti sospesi Renato Zero 4:02
6
Quanto ti amo Renato Zero 3:40
7
Che fretta c'è Renato Zero 4:46
8
Ufficio reclami Renato Zero 4:25
9
Questi anni miei Renato Zero 4:54
10
Figli tuoi Renato Zero 3:56
11
La vetrina Renato Zero 3:43
12
Quattro passi nel blu Renato Zero 4:28
13
Zero il folle Renato Zero 4:15

Reviews

  • Svolta rock

    5
    By rockflip
    Svolta decisamente rock. Voce al massimo. Testi curati. Sarà folle ma non smette di superare sé stesso. Da comprare.
  • Neanche gratis ci siamo capiti

    1
    By oscar bubu
    Per me renato si è fermato a Cattura,dopo il vuoto,che peccato, davvero poi non spenderei un centesimo per un suo concerto dove tratta male i suoi fan,per niente disponibile,falso e ipocrita come nessuno...ma per favore,ritirarsi no??
  • sublime

    5
    By Icaro155
    Bentornato !
  • No, grazie!

    1
    By Lover Kiss
    “Ogni giorno racconto la favola mia...”, queste era la prima frase di un suo vecchio brano del 1978...un tempo in cui Zero, quello vero, uscì da quelle porte girevoli con la sua inimitabile magia di incantare il pubblico sotto quel mitico tendone blu a stelle e strisce chiamato “Zerolandia”. È dal 1977 che lo seguo in tutti i suoi concerti ed ogni volta era uno spettacolo davvero bellissimo che valeva la pena di rivederlo perchè era Zero! 3...2...1...Zero...un ripetitivo e piacevole countdown che inventammo fino allo spegnimento delle luci della platea e ammirare quel “Jolly” sotto le luci colorate del palco e ascoltarlo cantare. Personalmente c’è stata una battuta di arresto da parte mia e dopo l’album “Cattura” non sento più lo Zero di un tempo che cantava con l’anima le sue canzoni; da “Il Dono” in poi, lo sento veramente pesante nei testi e ripetitivo, musiche e arrangiamenti sempre uguali e percepisco un disinteresse nel produrre i suoi CD se non solo per fare cassa e qui è il sig. Fiacchini e non più Zero. Non ho mai preteso che si mettesse lustrini e pailettes per incantarmi ma sarebbe bastata la sua voce e cantare davvero con cuore davanti ad un microfono. Mi ha deluso e ha perso qualità come in quest’ultimo CD che vorrebbe rilanciare il Renato Zero di una volta e non riesce a prendere lo slancio. “Zero il folle”? No, grazie! Torno indietro da “Cattura” e credo sia meglio così.
  • BELLO

    4
    By Sandrinomazzolatore
    Un disco molto bello, non ai livelli di Cattura, Amore dopo Amore o La Curva dell’Angelo, ma a 70 anni non si può chiedere di più. Da ascoltare più di una volta, al primo ascolto anche io ero titubante, ma poi mi sono ricreduto. Un pezzo da collezione
  • Fantastico!!!

    5
    By sdrc67
    Meglio del miglior vino invecchiato, meglio del miglior cognac, meglio del miglior rhum! Renato....sei la miglior Riserva di Vita RC
  • Rimpiango VOYEUR

    1
    By Ubala
    Ma il tempo passa per tutti e la creatività pure.
  • Quanta banalità nel 2020

    1
    By Mik_Di
    Per non rovinare la lunga carriera dovrebbe ritirarsi e farsi un bel tuffo di umiltà, lo amavo un tempo ora un prete fallito, dove rinnega il passato è anche il suo stile. Quanta noia.
  • Repetita...stanca!

    2
    By Giuliano Dell'Anca
    Un album uguale ad almeno altri dieci di Renato Zero. Testi che esprimono concetti già presenti in altre cento sue canzoni, chitarre elettriche infilate a sproposito, umorismo debolissimo ("Ufficio reclami") o qualunquismo irritante ("Culla vuota"). Insomma, eccezion fatta per "Mai più soli" e "Quanto ti amo", non è un disco che passerà alla storia. Peccato.
  • Quanto ti amo

    5
    By Inter star
    Grandissimo Renato!!! Gli anni passano ma tu non ti smentisci mai!! Grazie